Sappada

ARTE

S.Margherita
La Chiesa parrocchiale di S. Margherita

La Chiesa di Santa Margherita, ricostruita nel 1779, è d’impronta barocca e al suo interno si trovano affreschi di F.Barazzutti, realizzati nel 1906: l’Assunta (volta della navata), Crocifissione (abside), morte di San Giuseppe (parete sinistra), martirio di Santa Margherita (parete destra). La pala d’altare fu dipinta da J. Renzler nel 1802 e l’organo è del 1907.







Il Santuario Regina Pacis è invece un edificio risalente al 1973, eretto per assolvere un voto espresso durante la Seconda Guerra Mondiale: all’interno vi sono opere dello scultore Augusto Murer.

Sant'Osvaldo
La Chiesa di S. Osvaldo

La Chiesa di Sant’Osvaldo a Cima Sappada fu costruita nel 1732 ed è stata recentemente ristrutturata. Presenta un portico aperto ai lati su modello delle chiesette alpestri della Carnia.










Il Calvario in borgata Mühlbach è un percorso di fede scandito da 14 cappelline illuminate corrispondenti alle stazioni della Via Crucis, costruite nell’Ottocento a scopo penitenziale. Si snoda lungo un pendio sul quale sorge una chiesetta e sono collocati i tre crocifissi lignei raffiguranti la crocifissione di Gesù tra i ladroni. La cappella più grande all’inizio raffigura l’Orto dei Getsemani con antiche statue in legno



Sappada ha dato i natali a Pio Solero (1881-1975), pittore di fama europea, che dopo gli studi alle Accademie di Venezia, Roma e Monaco di Baviera, lavorò a Vienna, Parigi, Il Cairo (Egitto) e Argentina. Alpino volontario sul fronte carnico conobbe gli orrori della prima guerra mondiale e la prigionia in Ungheria (per la sua impresa sul Monte Chiadenis gli fu conferita la Croce d’Argento da parte di S.M. Britannica); tornato a Sappada vi si stabilì con la famiglia. La sua casa fu cenacolo di molti amici artisti; tra gli anni Trenta e Quaranta fu colpito da gravi lutti familiari. Dedicò la sua vita alla pittura e al suo paese, che si è spesso dimenticato del suo artista difensore della cultura locale e promotore della sua immagine turistica. Con spatola e pennelli seppe infondere l’anima alle sue raffigurazioni di paesaggi alpini, nature morte (cacciagioni) e bronzini ricolmi di fiori.

 
Copyright 2013. Designed by Treehouse-lab.it Created by Creativaweb.eu